October 23, 2019
You can use WP menu builder to build menus

Nuove procedure di sostituzione periodica dei serbatoi GPL per auto.

dic 18, 2018

Nuove procedure tecnico-amministrative indicate dalla direzione generale della motorizzazione, per la riqualificazione/sostituzione periodica dei serbatoi GPL con scadenza decennale installati sugli autoveicoli di serie alimentati a GPL e trasformati in after-market, per officine autorizzate dal costruttore e per le officine private “indipendeti”. requisiti e modalita’ di attivazione secondo le vigenti norme e circolari, riferimenti tecnici operativi, ottenimento autorizzazioni collaudi presso propria sede.

Nuove procedure di sostituzione periodica dei serbatoi GPL per auto.

dic 18, 2018

Nuove procedure tecnico-amministrative indicate dalla direzione generale della motorizzazione, per la riqualificazione/sostituzione periodica dei serbatoi GPL con scadenza decennale installati sugli autoveicoli di serie alimentati a GPL e trasformati in after-market, per officine autorizzate dal costruttore e per le officine private “indipendeti”. requisiti e modalita’ di attivazione secondo le vigenti norme e circolari, riferimenti tecnici operativi, ottenimento autorizzazioni collaudi presso propria sede.

Corso base di Qualificazione per Mystery Auditor.

dic 18, 2018

Il Mystery Auditing (audit in incognito) è un metodo di audit, piuttosto diffuso nel mercato, effettuato in modo non dichiarato e condotto in modo non riconoscibile, volto ad individuare gli elementi di percezione e di soddisfazione del fruitore di un servizio, rilevando la qualità delle prestazione e dei servizi erogati.

E’ un sistema efficace di monitoraggio, sempre più utilizzato da Organizzazioni ed Aziende – pubbliche e private – per una molteplicità di scopi, in quanto offre uno straordinario potenziale di miglioramento.
Recentemente è stata pubblicata la norma UNI 11312-1:2017,  evoluzione della UNI/TS 11312:08, che descrive in modo completo il processo di progettazione ed esecuzione del “mystery auditing” ed è in iter finale di pubblicazione la norma UNI 11312-2 che definisce i requisiti di abilità, conoscenze, competenze delle figure del progettista, coordinatore e auditor in incognito.

Corso base di Qualificazione per Mystery Auditor.

dic 18, 2018

Il Mystery Auditing (audit in incognito) è un metodo di audit, piuttosto diffuso nel mercato, effettuato in modo non dichiarato e condotto in modo non riconoscibile, volto ad individuare gli elementi di percezione e di soddisfazione del fruitore di un servizio, rilevando la qualità delle prestazione e dei servizi erogati.

E’ un sistema efficace di monitoraggio, sempre più utilizzato da Organizzazioni ed Aziende – pubbliche e private – per una molteplicità di scopi, in quanto offre uno straordinario potenziale di miglioramento.
Recentemente è stata pubblicata la norma UNI 11312-1:2017,  evoluzione della UNI/TS 11312:08, che descrive in modo completo il processo di progettazione ed esecuzione del “mystery auditing” ed è in iter finale di pubblicazione la norma UNI 11312-2 che definisce i requisiti di abilità, conoscenze, competenze delle figure del progettista, coordinatore e auditor in incognito.

La statistica che serve in azienda

dic 18, 2018

La competitività esasperata sul piano della qualità e dei costi impone un ricorso sempre più sistematico ai metodi statistici per prendere decisioni corrette in situazioni di incertezza. Ma la loro diffusione è spesso ostacolata dall’impegno richiesto sugli aspetti matematici coinvolti. D’altra parte, la padronanza di molti approcci tipici della Qualità (SPC, pianificazione delle prove sperimentali, valutazione dei rischi, ecc.) è legata ad una buona comprensione dei principi base della Statistica

La statistica che serve in azienda

dic 18, 2018

La competitività esasperata sul piano della qualità e dei costi impone un ricorso sempre più sistematico ai metodi statistici per prendere decisioni corrette in situazioni di incertezza. Ma la loro diffusione è spesso ostacolata dall’impegno richiesto sugli aspetti matematici coinvolti. D’altra parte, la padronanza di molti approcci tipici della Qualità (SPC, pianificazione delle prove sperimentali, valutazione dei rischi, ecc.) è legata ad una buona comprensione dei principi base della Statistica

Q.F.D. Quality Function Deployment

dic 18, 2018

Per la forte competitività del mercato, è oggi imperativo per qualunque azienda tararsi in modo rigoroso sulle esigenze dei clienti, che si possono anche anticipare, ma solo con la garanzia che le nuove caratteristiche del prodotto saranno poi debitamente apprezzate. Così, il concetto di QUALITÀ, che era nato come “adeguatezza alle specifiche”, è evoluto fino ad identificarsi con “la soddisfazione del cliente”. In parallelo nascono due problemi operativi: il primo concerne il miglior modo per conoscere le effettive esigenze del cliente (quelle che inducono all’acquisto) ed il secondo riguarda la misura del grado di adeguatezza delle caratteristiche del prodotto realizzato nei confronti delle aspettative da parte della clientela. Il primo problema trova supporto nel Quality Function Deployment (Q.F.D.), mentre il secondo va affrontato con i principi aggiornati della Qualità, che sfruttano le conoscenze acquisite tramite il Q.F.D.

Q.F.D. Quality Function Deployment

dic 18, 2018

Per la forte competitività del mercato, è oggi imperativo per qualunque azienda tararsi in modo rigoroso sulle esigenze dei clienti, che si possono anche anticipare, ma solo con la garanzia che le nuove caratteristiche del prodotto saranno poi debitamente apprezzate. Così, il concetto di QUALITÀ, che era nato come “adeguatezza alle specifiche”, è evoluto fino ad identificarsi con “la soddisfazione del cliente”. In parallelo nascono due problemi operativi: il primo concerne il miglior modo per conoscere le effettive esigenze del cliente (quelle che inducono all’acquisto) ed il secondo riguarda la misura del grado di adeguatezza delle caratteristiche del prodotto realizzato nei confronti delle aspettative da parte della clientela. Il primo problema trova supporto nel Quality Function Deployment (Q.F.D.), mentre il secondo va affrontato con i principi aggiornati della Qualità, che sfruttano le conoscenze acquisite tramite il Q.F.D.

D.O.E. Design of Experiments. Statistica avanzata applicata

dic 18, 2018

Non è raro incontrare in azienda delle situazioni nelle quali si ha la netta sensazione che una migliore conoscenza di alcuni fenomeni potrebbe condurre ad una migliore qualità del prodotto senza sensibile aumento dei costi, ovvero ad una medesima qualità con importanti riduzioni di costo;  ma queste conoscenze sono ricavabili solo per via sperimentale, in quanto non si dispone di idee sufficientemente precise su quali siano le grandezze principalmente influenti, sui loro meccanismi e sulle loro interazioni.  Dati i costi ed i tempi della sperimentazione, occorre, in questi casi, essere in grado di predisporre un piano di prove mirato, efficace ed efficiente.  Il D.O.E. provvede proprio a questo, in modo razionale e organico, ed anche tenendo conto di eventuali conoscenze pregresse per contenere il numero di prove.

D.O.E. Design of Experiments. Statistica avanzata applicata

dic 18, 2018

Non è raro incontrare in azienda delle situazioni nelle quali si ha la netta sensazione che una migliore conoscenza di alcuni fenomeni potrebbe condurre ad una migliore qualità del prodotto senza sensibile aumento dei costi, ovvero ad una medesima qualità con importanti riduzioni di costo;  ma queste conoscenze sono ricavabili solo per via sperimentale, in quanto non si dispone di idee sufficientemente precise su quali siano le grandezze principalmente influenti, sui loro meccanismi e sulle loro interazioni.  Dati i costi ed i tempi della sperimentazione, occorre, in questi casi, essere in grado di predisporre un piano di prove mirato, efficace ed efficiente.  Il D.O.E. provvede proprio a questo, in modo razionale e organico, ed anche tenendo conto di eventuali conoscenze pregresse per contenere il numero di prove.